Passa ai contenuti principali
Ritorna al sito

PORSCHE TAYCAN: LA PRIMA ELETTRICA DELLE CASA TEDESCA

Porsche Taycan: rivoluzione nel mondo Porsche

In arrivo la nuova Porsche Taycan, la prima full electric della casa tedesca.
La nuova Taycan è stata presentata qualche giorno fa a Berlino ed è già sulla bocca e sulla tastiera di tutti.
Infatti la Taycan non è solo un modello aggiuntivo alla linea, ma una vera alternativa alle classiche auto a motore a combustione. Basti pensare che è stata realizzata sia in una versione Turbo che Turbo S, i due modelli più potenti a disposizione della casa tedesca. Sembra proprio che la Porsche Taycan voglia sfidare il dominio del settore costituito dalle Tesla Model S e che dura oramai da troppo tempo.
Quando nel 2015 era stata presentata la Mission E, concept car da cui La Taycan prende le mosse, Porsche aveva promesso che avrebbe realizzato un’auto elettrica dalle altre prestazioni indistinguibile dai modelli classici. Promessa mantenuta se non addirittura superata visto che la Porsche Taycan sembra essere l’auto ideale anche per i piccolo spostamenti quotidiani.

Porsche Tycan: specifiche tecniche e prestazioni

La versione della Porsche Taycan Turbo S può sviluppare 560 Kw di potenza, pari a 760 cv, e da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi con una velocità massima di 260 km/h. La potenza della Turbo, invece, è poco inferiore. Prestazioni davvero importanti visto che, pur trattandosi di un’auto sportiva, la Taycan resta una berlina 4 porte. Per chi si preoccupa dell’autonomia, entrambe le versioni superano si aggirano intorno ai 400 km, con la Turbo che ha consumi inferiori.
Queste performance sono garantite dai due propulsori elettrici posti sui due assi che danno al veicolo una trazione integrale.
Anche le batterie della Porsche Taycan sono pensate per alte prestazioni. La vettura della casa di Zuffenhausen infatti è la prima vettura elettrica dotata di un sistema di alimentazione da 800 volt invece che il classico da 400 volt. Il sistema Performance Battery Plus è di 93,4 kWh e la ricarica massima 270 kWh. I tempi di ricarica non sono affatto eccessivi, anzi, dal 5% all’80% è di poco più di 20 minuti.
Oramai sembra chiaro a tutti che il futuro della mobilità sia elettrico e anche le grandi case di produzione di auto sportive si stanno adattando. Porsche non è un precursore in questo senso, tuttavia ha deciso decisamente di fare le cose in grande stile.

Commenti

Post popolari in questo blog

VISION-S CONCEPT: GRANDE NOVITÀ IN CASA SONY

Durante l’edizione 2020 del CES, una delle più importanti fiere sull’elettronica che si tiene ogni anno a Las Vegas, sono state presentate novità davvero innovative e sorprendenti.
Tra queste spiccano i televisori a LG che si srotolano scendendo dal soffitto e con una risoluzione a 8k (per intenderci, 16 volte maggiore rispetto ai televisori Full HD), una stampante che “photoshoppa” la pelle eliminando imperfezioni e punti neri, tablet dallo schermo pieghevole che si mettono nello zaino come se fossero dei libri.
Meraviglie tecnologiche di un futuro lontano, direte voi. E invece no, perché la maggior parte di queste novità sono attese per la seconda metà del 2020. Tra pochi mesi, quindi, vedremo arrivare sul mercato quelli che potrebbero rivelarsi i trend tecnologici dei prossimi anni.
E le auto? Vi chiederete voi.
Al Consumer Electronic Show, in particolar modo, è stata proprio una vettura ad aver attirato le attenzione dei consumatori. No, non stiamo parlando della nuova Porsche o dell’…

BMW E JAGUAR: INSIEME PER UN FUTURO SOSTENIBILE

BMW e Jaguar: insieme per un futuro sostenibile BMW e Jaguar si sono unite per cercare di regalare ai nostri nipoti un futuro migliore.
Sembra, infatti, che BMW ed il gruppo Jaguar Land Rover abbiano deciso di unire le forze per investire nella ricerca di nuove tecnologie sostenibili.
Oramai è un fatto conclamato ed evidente che il futuro dell’automotive non passerà dal motore a scoppio ma piuttosto da quello elettrico. La sfida che si presenta ai costruttori è davvero epocale e per farvi fronte sembra legittimo pensare che due case automobilistiche concorrenti dirette decidano di unire gli sforzi per affrontare le sfide future.
Il motivo della scelta risiede probabilmente proprio nella difficoltà dell’impresa. Nonostante, infatti, le due case produttrici siano dei veri e propri colossi dell’automobilismo, l’abbandonare del tutto i combustibili fossili non è affatto cosa da poco né in termini di sforzo economico né di tempo investibile. BMW e Jaguar: insieme per abbattere i preconcet…